Hai deciso di aprire un blog ma non sei sicuro di avere le idee chiare sul percorso da fare? Succede spesso, non preoccuparti. Se sei alla ricerca di qualche consiglio per partire con il piede giusto e iniziare un progetto online di successo, ecco 4 suggerimenti su come creare un blog che ti aiuti a vendere infoprodotti. 


#1 Fissa i tuoi obiettivi e la tua strategia

Sai qual è il problema dei tantissimi blog che vengono chiusi dopo pochi mesi dall’apertura? La mancanza di una strategia editoriale. Se vuoi che il tuo blog sopravviva a lungo e ti permetta di vendere un apprezzabile numero di infoprodotti hai bisogno di pianificare con attenzione le tue attività, ancor prima di pensare alla messa online del blog.

Fissa pochi elementi, ma sii estremamente preciso:

Sulla base di queste informazioni, crea un piano editoriale. Scegli con quale frequenza vuoi pubblicare nuovi post, definisci che tipo di post vuoi proporre ai tuoi lettori e quale tono di voce usare. Solo dopo aver delineato i tuoi obiettivi e la tua strategia puoi dedicarti agli aspetti tecnici del blog.

#2 Scegli la piattaforma da usare

Ora che il tuo progetto è ben definito, ti dovrai concentrare sulla scelta della piattaforma da usare. Puoi orientarti verso soluzioni gratuite oppure verso un blog con un dominio e un hosting proprio.

Se vuoi aprire un blog a costo zero puoi scegliere uno dei servizi che ti danno l’opportunità di mettere online il tuo blog in una manciata di minuti: è il caso, ad esempio, di Blogger o di WordPress.com. In entrambi i casi è sufficiente collegarsi al sito internet della piattaforma e registrarsi indicando l’indirizzo desiderato del blog, un indirizzo email e una password. Non c’è bisogno di un hosting né di altro: lo spazio web è offerto da Blogger o da WordPress, a costo però di alcune limitazioni nel numero di personalizzazioni e delle opzioni di gestione del blog stesso. Se scegli una soluzione gratuita il tuo blog avrà un dominio di terzo livello del tipo nomediesempio.blogger.com o nomediesempio.wordpress.com.

Se invece desideri avere il pieno controllo del blog, puoi decidere di installarne uno sul tuo server o di acquistare un servizio di hosting. La soluzione più pratica è data da WordPress.org. Dal sito puoi scaricare il pacchetto di installazione del CMS e, a questo punto, puoi caricarlo sul tuo spazio web e configurarlo. Il risultato finale sarà un blog con un indirizzo del tipo nomediesempio.it (o .com, .org, ecc., sei tu a scegliere l’estensione desiderata al momento della registrazione del dominio).

Quando decidi di aprire un blog, insomma, ti trovi di fronte a un bivio: da un lato hai le soluzioni gratuite, dall’altro soluzioni a pagamento. L’aspetto monetario non è l’unico che devi considerare prima di fare una scelta: tieni conto anche del risultato che vuoi raggiungere e del modo in cui vuoi presentarti ai lettori. Se il motivo per il quale vuoi essere presente online con un blog è quello di mettere in vendita infoprodotti e quindi guadagnare dalla commercializzazione di ebook, corsi, guide, ecc. è consigliabile scegliere un blog sul proprio dominio. Questo per due motivi principali: innanzitutto, perché così puoi avere il pieno controllo e puoi personalizzare come desideri ogni aspetto del blog; in secondo luogo, perché avere un proprio dominio dà un’immagine di professionalità e affidabilità maggiore rispetto a un blog ospitato su una piattaforma gratuita.

Non lasciarti spaventare dall’idea che acquistare un dominio e un hosting abbia un prezzo troppo elevato: con una spesa inferiore a 50 euro l’anno puoi acquistare entrambi. Grazie alla possibilità di personalizzare il design e la struttura del blog, potrai vendere i tuoi infoprodotti in uno spazio dedicato, concentrando l’attenzione dei lettori proprio lì dove vuoi tu.

#3 Scegli un tema chiaro e facile da navigare

Prima di passare alla pubblicazione dei primi contenuti, devi dedicare un po’ di tempo alla scelta del tema. Il consiglio è quello di scegliere un template che risulti chiaro e facile da navigare, sia da desktop che da mobile. Puoi scegliere un tema a pagamento o, se vuoi risparmiare un po’, gratuito: ci sono tante ottime soluzioni a costo zero.

Dopo aver scelto e installato il tema puoi passare alla personalizzazione dei colori, all’aggiunta dei widget e dei plugin di cui hai bisogno e alla sistemazione degli ultimi dettagli tecnici.

#4 Crea contenuti che interessino chi ti legge

Ora che hai messo a punto la struttura del blog e che hai una strategia in mente, non ti resta che mettere in moto le idee e iniziare a creare contenuti. Quanti e quali dipende dalle scelte che hai preso e che hai messo nero su bianco nel piano editoriale; ad ogni modo, presta particolare attenzione alla home page, alla pagina di presentazione del blog e alla struttura delle categorie.

Tieni sempre a mente che l’obiettivo che vuoi raggiungere tramite l’attività sul blog è quello di far conoscere la tua attività e di vendere i tuoi infoprodotti. Nei contenuti che crei sul blog, quindi, dovrai rispondere alle curiosità e ai bisogni di chi ti legge e della nicchia di pubblico alla quale ti rivolgi. Nei tuoi post, spiega perché dovrebbero scegliere proprio i tuoi infoprodotti e quali sono i benefici che otterranno dal loro acquisto. Non dare nulla per scontato, racconta i motivi che ti hanno spinto a creare gli ebook o i corsi che hai messo in vendita, per chi sono pensati e come sono strutturati.

Per creare un blog che ti aiuti a vendere i tuoi infoprodotti la chiave è riuscire a entrare in sintonia con chi ti legge, rispondere al meglio alle loro domande, offrendo informazioni e prodotti di qualità. Se hai in mente dei contenuti che possono risolvere un bisogno delle persone cosa aspetti? Crea il tuo infoprodotto, progetta il blog nel quale promuoverlo e mettilo in vendita con Sellky!

Luana Galanti